sabato 16 febbraio 2013

Simil-meringhe al cocco con copertura al cioccolato

Cari/e chocoladores,

In questi giorni la mia cucina sembra il mesto laboratorio di un alchimista alla ricerca della pietra filosofale; io cerco la ricetta perfetta, sporcando  molto più di qualsiasi alchimista di questo pianeta.
Questi biscotti rappresentano per me il ricordo dei pomeriggi passati a scuola a recuperare i debiti in matematica (:P), visto che nei paraggi c'era un bar che mi forniva parecchi spunti per le merende sulle sudate carte e questi dolcetti erano fra di loro.
Confesso di aver googlato la ricetta ( e chi non lo fa? ) e di averla riportata pari pari da Giallo Zafferano.
Ciao, Sonia Peronaci, grazie della ricetta!
Saltando a pié pari la dedicatoria a qualsivoglia sito di cucina, vi invito a mettere i grembiuli in spalla e a vedere gli ingredienti:

160 gr di Albumi (all'incirca 5 uova di media grandezza)
Un cucchiaino raso di cannella
200 gr di Zucchero
30 gr di Farina Bianca
200 gr di Cocco essiccato
Un cucchiaio di Miele
1 fialetta di aroma di vaniglia
150 gr di Cioccolato Fondente 70%

Abbiamo tutto pronto? Dai, niente paura, lo facciamo insieme!
Mettiamo i nostri albumi insieme allo zucchero e al pizzico di sale a bagnomaria, li sbattiamo con le fruste elettriche per circa dieci minuti, fino a raggiungere un risultato spumoso e gonfio. All'incirca vi ricorderà una nuvola ;) togliamo dal fuoco,  mescolando con un mestolo di legno dal basso verso l'alto; in questo modo gli albumi non si sgonfieranno.
Aggiungiamo la cannella, il miele e il cocco essiccato. Infine setacciamoci la farina e incorporiamo l'aroma di vaniglia.
Preriscaldiamo il forno a 160° e nel frattempo con l'ausilio di un CUCCHIAIO (la ricetta originale prevedeva la sac a poche, ma,guarda un po', io non l'ho usata...) formiamo delle palline non troppo schiacciate su una teglia rivestita di carta da forno, distanziandole di circa due cm l'una dall'altra.
"Aiuto, Zenzero, ma queste sono MERINGHE!"       
Mi sembra quasi di sentirvi, se siete cuochine inesperte ;) ! Sì, Chocoladores sono meringhe. E le meringhe sono brutte e cattive :(. Ovvero non asciugano bene, oppure bruciano, o le chiare non sono abbastanza vigorose. Vi do un consiglio; preparate questi biscotti solo quando avete il tempo di osservare OGNI MINIMO MOVIMENTO ALL'INTERNO DEL FORNO per i 50 minuti di cottura.
Se dovessero scurirsi abbassate la temperatura; se non dovesse bastare tenete il forno socchiuso.
Altrimenti mettetele nell'asciugatrice e gustatevi una coppa di gelato artigianale!
Come già detto, inforniamole per circa 50 minuti. Poi facciamole finire di asciugare ulteriormente per circa una mezz'ora. Infine sciogliamo a bagnomaria il cioccolato fondente, tuffiamocele dentro per metà e lasciamo asciugare la copertura.
O, alternativamente, tentiamo la sorte inondandoci il mento e sciogliendoci il make up e mangiamone una appena fatta ;)
Vi ho convinto?
Grembiuli in spalla!

Vostra nel nome della pasta sfoglia
Zenzero

P.s: ieri la mia sorellina (ha 14 anni ma la considero ancora una bambina...) ha voluto che le insegnassi a fare la pasta frolla. Il risultato? Magari posto la foto più tardi, insieme a quella dei biscotti-meringhe-antidepressivi!       

Nessun commento:

Posta un commento